Cosenza: arrestati gli assassini del piccolo Cocò

lunedì, 12 ottobre 2015

Il  delitto avvenne a Cassano Ionio il 16 gennaio del 2014: le vittime furono assassinate con diversi colpi d’arma da fuoco e poi bruciate nel l’autovettura dove vennero ritrovate carbonizzati.

Tra i corpi anche quello di Cocò un bambino di 3 anni, anche Papa Francesco il 26 gennaio successivo, gli rivolse un pensiero ed una preghiera nel corso dell’Angelus in Piazza San Pietro.

Questa mattina i carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Cosenza hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due persone indagate per il triplice omicidio di Giusppe Iannicelli, della compagna di quest’ultimo, Ibitsamm Touss e del nipote, il piccolo Nicola Campolongo Junior.

Le indagini dei carabinieri cosentini avrebbero dunque consentito di ricostruire il triplice omicidio nelle sue fasi preparatorie, individuarne il movente, documentarne la sua connotazione “tipicamente mafiosa” e evidenziare le dinamiche criminali esistenti nella sibaritide.