Cuba: Papa Francesco, lungo colloquio con Fidel Castro

lunedì, 21 settembre 2015

E’ durato circa 40 minuti l’incontro tra Papa Francesco e Fidel Castro,  un colloquio “informale, familiare”, sui temi che riguardano l’umanità e il suo futuro, suggellato da uno scambio di libri su temi religiosi.

È stato il Pontefice a recarsi in visita nella residenza del “lìder maximo”, oggi 89enne, cui al suo arrivo ieri a Cuba aveva già indirizzato il suo saluto con “sentimenti di speciale considerazione e rispetto”.

Nella sua visita, papa Francesco – memore proprio della richiesta fatta da Castro a Ratzinger nell’incontro di tre anni fa – gli ha portato in dono dei libri su temi religiosi e teologici. In particolare, ha riferito ai giornalisti il portavoce vaticano padre Federico Lombardi, si tratta di due libri in edizione in spagnolo del sacerdote italiano Alessandro Pronzato, esperto di catechesi, della Bibbia e di divulgazione teologica: «La nostra bocca si aprì al sorriso» (citazione da un salmo), un testo sul valore dell’humour e dell’allegria in relazione alla fede, e l’altro volume «Vangeli scomodi».

Quindi una raccolta di discorsi e prediche, anche con registrazione della voce in cd, di padre Armando Llorente, che fu insegnante dello stesso Fidel Castro al collegio dei gesuiti di Belen. Il Papa ha donato infine la sua enciclica «Laudato si’» e la sua esortazione «Evangelii gaudium».

Castro ha invece fatto omaggio al Papa del libro del teologo e politico brasiliano Frei Betto, «Fidel e la religione»su cui  Castro ha vergato la dedica: “Per papa Francesco, in occasione della sua visita a Cuba, con l’ammirazione e il rispetto del popolo cubano”.

«Un incontro in un clima familiare, una conversazione dai toni informali»: così ne ha parlato Lombardi. “Il colloquio tra il Papa e Fidel Castro ha riguardato i temi della riflessione e del magistero di Francesco sull’umanità, il suo futuro, la situazione mondiale oggi, la crisi ambientale”, ha spiegato il portavoce vaticano.