Donna kamikaze a Gerusalemme. Raid israeliano a Gaza uccisa donna

domenica, 11 ottobre 2015

Aumenta la tensione e la violenza tra palestinesi e israeliani, una donna araba, alla guida di un’auto è stata fermata prima del posto di blocco di Al-Zaim, davanti a Maalei Adumim poco fuori Gerusalemme, ha gridato «Allah hu-Akbar» e ha fatto esplodere un ordigno esplosivo nella vettura.
La donna-kamikaze è rimasta gravemente ferita e ha leggermente ferito un agente della sicurezza. L’ispezione dell’auto ha portato a trovare un secondo ordigno, che è stato disinnescato. E’ il primo attacco suicida a quattro settimane dall’inizio delle violenze e indica purtroppo che la rivolta palestinese sta entrando in una nuova fase.

A Gaza un attacco aereo israeliano su un obiettivo di Hamas nella striscia di Gaza ha colpito una casa vicina, uccidendo una donna palestinese e la figlia.

L’esercito israeliano ha detto in un comunicato che nel mirino c’erano due depositi di armi appartenenti ad Hamas, il gruppo militante islamico che controlla Gaza, in risposta al lancio di due razzi su Israele sabato e venerdì.