Giubileo: Roma non sarà commissariata, a Gabrielli il ruolo di raccordo

giovedì, 27 agosto 2015

Di Redazione – Il Consiglio dei ministri riunitosi questa mattina oltre ad aver sciolto formalmente il Comune di Ostia, così come comunicato nel corso della conferenza stampa del Ministro Alfano, ha esaminato il caso di Mafia capitale. Alfano ha spiegato che intende “incaricare il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, per assicurare proposte e indicazioni per pianificare insieme al sindaco interventi di risanamento in otto ambiti, in particolare nei settori dell’amministrazione risultati piu’ compromessi” con Mafia Capitale.

L’intento è quello che Gabrielli con l’attuale sindaco di roma Ignazio Marino, collaborino insieme per il risanamento.”

Angelino Alfano evidenzia che “Ho proposto di assicurare al prefetto di Roma la pianificazione con il sindaco di un piano di interventi di risanamento in 8 ambiti”,

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti ha sottolineato che “il consiglio ha preso atto positivamente” non ci sarà quindi alcun commissariamento, ed è stata adottata la stessa procedura utilizzata a Milano per l’Expo.

Al prefetto di Roma spetterà realizzare il necessario raccordo operativo tra le varie istituzioni, comune e regione, perché tutto”, durante l’anno giubilare, “funzioni in maniera organica”.

De Vincenti, chiarisce che al comune spetterà la competenza su accoglienza e mobilità, alla Regione quella sui servizi sanitari, ed inoltre: “Le risorse vengono dal bilancio del Comune di Roma già a disposizione e dal piano di rientro di Roma Capitale. La prossima settimana faremo una riunione per chiarire gli spazi di bilancio all’interno delle risorse a disposizione”.

Marco Causi, vicesindaco di Roma, ha fatto sapere che “la giunta capitolina valuta molto positivamente tale decisione”, valutazione positiva anche sulla nomina dell’ex assessore Silvia Scozzese alla guida dell’ufficio del commissario straordinario per la gestione del debito storico del Comune.

“Le decisioni assunte dal Consiglio dei Ministri su proposta del ministro Angelino Alfano – aggiunge Causi – ci appaiono coerenti e in continuità con l’iniziativa di risanamento già avviata. Roma può affrontare la sfida del Giubileo con la certezza che l’impegno del Comune sarà costantemente supportato dall’esecutivo nazionale – conclude il vicesindaco capitolino”.