Grecia, il piano di Tsipras: lotta a corruzione e evasione, patrimoniale e p.a. più efficiente

lunedì, 23 febbraio 2015

È pronto il piano che la Grecia in queste ore presenterà a Bruxelles in cambio della proroga sui prestiti per altri 4 mesi.

Secondo le anticipazioni del quotidiano tedesco Bildt, l’esecutivo Tsipras avrebbe scritto un programma da 7 miliardi che punta a recuperare fondi dalla lotta all’evasione fiscale, da una patrimoniale per i ceti più ricchi, da una serie di misure anti-corruzione e contro il contrabbando e da una riforma che renda la pubblica amministrazione più efficiente.

In particolare, rileva il Bild, Atene intende ricavare dal contrasto al contrabbando della benzina 1,5 miliardi di euro; dal contrasto al contrabbando delle sigarette, 800 milioni; 2,5 miliardi dovrebbero arrivare con una patrimoniale per i greci più ricchi; e 2,5 miliardi da introiti fiscali arretrati.

Sempre per quanto riguarda la fiscalità, il portavoce del governo greco ha precisato che il governo intende varare un provvedimento che consentirà ai contribuenti di pagare in 100 rate le tasse arretrate. Il portavoce, Gabriel Sakellarridis, parlando a Skai Tv, ha sottolineato che l’agevolazione aumenterà la liquidità nelle casse dello Stato dove la situazione “non è facile”. Sakellaridis ha infine assicurato che non sono previsti ulteriori tagli alle pensioni, mentre verrà gradualmente aumentato il salario minimo fino al 2016.