I Borghi più felici d’Italia, podio al Trentino A.A.

lunedì, 17 agosto 2015

Di Redazione – Un podio tutto del Trentino Alto Adige per “I Borghi più felici d’Italia“, in cui il primo posto spetta a Brunico, sul secondo gradino troviamo Vipiteno e medaglia di bronzo a Egna, che scalza Sirmione rispetto alla classifica del 2014.

Tra i primi 10 troviamo ben 5 località che si affacciano sul Lago di Garda: Peschiera del Garda sul quarto gradino, Lazise si aggiudica il 5° posto, Bardolino sesto, Sirmione 7°, Manerba del Garda chiude la top ten.

Due i comuni Piemontesi, Saluzzo in ottava posizione e 9° Alba.

La classifica è stata elaborata dal Centro studi Sintesi per Il Sole 24 Ore, la base di partenza è costituita dagli 8.047 Comuni italiani riconosciuti dall’Istat; poi, attraverso una scrematura incrementale si arriva a una selezione di 158 Comuni ed è realizzata in due fasi.

La prima cernita, che riduce il lotto dei partecipanti ai 158 Comuni finalisti, è frutto di una selezione basata su 16 parametri legati alla qualità della vita incentrati sulle variabili del benessere economico e sociale, dell’ambiente, degli indicatori di felicità (il Bil).

Nella seconda fase i 158 borghi sopravvissuti sono stati analizzati sulla base di 47 indicatori, suddivisi in otto aree tematiche (condizioni di vita materiali; istruzione e cultura; partecipazione alla vita politica; rapporti sociali; in/sicurezza; ambiente; attività personali e salute), utilizzando gli ultimi dati disponibili nelle principali fonti statistiche (Istat, ministero dell’Interno, Infocamere, Aci e Banca d’Italia).

Dall’analisi emerge però un altro dato: l’anno scorso i “borghi felici” sopravvissuti alla prima scrematura erano stati 176, diciotto in più di quest’anno. Secondo i ricercatori del Centro Studi la causa non è però di una “diminuzione” della felicità, anzi ci tengono a sottolineare quante new entry ci siano state, anche di altissimo livello.