Inchiesta Regione Lombardia: Salvini, un complotto contro la Lega

mercoledì, 14 ottobre 2015

Esordisce così Matteo Salvini, in un’intervista pubblicata questa mattina, senza mezze parole e mezze termini, con la veemenza che lo contraddistingue: “Sono stanco. Stanco e inc…Sa che faccio? Mi autodenuncio. Sono colpevole”. commenta così il coinvolgimento dell’assessore Massimo Garavaglia nell’inchiesta relativa a regione Lombardia.

“Di cosa? Di segnalazione. Al posto di Garavaglia, lo avrei fatto anche io. Anzi, l’ho fatto: da consigliere comunale nel corso degli anni ho segnalato decine e decine di associazioni benefiche. E non mi ravvedo: lo rifarò”.

“Sapete perché è stato indagato anche un assessore della Lega? Perché ha ascoltato, ha girato la lettera di protesta arrivata da un’associazione di volontariato che gestisce il servizio di ambulanze per i malati dializzati. Mi autodenuncio: anche io giro lettere e telefonate di decine di associazioni di volontariato”, ha poi precisato il leader del Carroccio.

Secondo la procura di Milano, Garavaglia avrebbe agito per mantenere o aumentare il suo consenso elettorale. Almeno come ipotesi, è ammissibile. O no? “Macché, mi faccia il piacere… Massimo Garavaglia è il migliore tra noi, una persona che tutti conoscono come specchiata. Questa è un’indagine pazzesca su uno dei leghisti più seri e onesti che io conosca”.

“Al consiglio federale della Lega avevo detto: ragazzi, visto che siamo in crescita, prepariamoci. I sondaggi ci danno al 15,2 per cento e per fermarci le proveranno tutte. E in effetti, eccoci qui. Un’inchiesta che segna un primato. È la prima indagine al mondo in cui si accusa una persona di aver cercato di dare una mano ad un’associazione benefica. Peraltro, senza riuscirci. Per l’ufficio di Garavaglia passano qualcosa come venti miliardi di euro”.

Per quanto riguarda le accuse al vicepresidente Mario Mantovani Salvini dice: “Non mi permetto di commentare l’indagine che riguarda Mantovani. E peraltro non ne so nulla, anche se lui mi pare una brava persona. In ogni caso, quella sembra un cosa diversa, che non riguarda l’aiuto alle ambulanze. Per quanto mi riguarda, mi permetto soltanto di dire che sono vicino a un padre a cui è nato un figlio dieci giorni fa (il capo di gabinetto dell’assessorato alla Sanità, Giacomo Di Capua), per un qualcosa che riguarda fatti che risalgono come minimo a un anno fa”.

Ma non finisce qui lo sfogo del leader Leghista e sulla giunta retta dal suo compagno di partito Roberto Maroni  che potrebbe essere travolta dall’ennesimo scandalo, Salvini commenta: “Ma figurati, perchè qualche giudice si è alzato male! Ricordo che la regione Lombardia l’anno scorso ha curato un milione e mezzo di persone e centinaia di migliaia di italiani arrivati dalle altre regioni. Ieri c’è stata una giornata di sputtanamento mediatico su la migliore sanità europea e anche sulla Lega”.

“E’ un attacco politico alla regione meglio governata d’Italia per nascondere i problemi del Pd”, ha aggiunto Salvini. “I cittadini lombardi sanno che tipo di ospedali hanno a disposizione così come i cittadini romani purtroppo sanno che buche nelle strade la giunta Marino gli mette a disposizione”, ha concluso Salvini.