M5Stelle: Di Maio futuro leader? Conferme e smentite

venerdì, 11 settembre 2015

Beppe Grillo pare abbia lancia definitivamente in campo Luigi Di Maio in testa: “Sono qui per fare da specchietto per le allodole”, dice chiaro e tondo il leader pentastellato arrivato a Roma per rilanciare la proposta M5s sul reddito di cittadinanza.

Ma subito dopo arriva la smentita e il chiarimento da parte di Grillo: “Il candidato premier del Movimento 5 stelle lo sceglierà la Rete. e aggiunge: Inventatevi qualcos’altro”, ha sbottato in un’intervista alla domanda su Luigi Di Maio nuovo leader. “Cercate di fare una informazione un pochino più obiettiva invece di cercare solo i titoloni, altrimenti il Paese ne soffre”. Il candidato premier “si sceglierà in Rete come abbiamo sempre fatto: presentiamo una squadra di governo con un programma deciso dagli iscritti”.

A pensar male si fa peccato però qualche ci si azzecca, le voci di corridoio ci dicono che in realtà dietro la smentita ci sia la rivolta del Movimento presieduto da Grillo, in cui non sono poche le voci in discordanza con “la nomina di Maio” primo fra tutti Fico che : “Era una bella battuta quella di Beppe”, ha osservato, ma “il leader è il movimento, ogni persona all’interno del movimento fa la sua parte. Ognuno, in qualche modo, è leader degli argomenti che porta avanti e con la rete riusciremo a prendere il governo del Paese”.

Fico ha sottolineato che per il momento nessuna regola interna per la selezione dei candidati è cambiata; quanto al vicepresidente della Camera, “Di Maio – ha detto – è come tutti gli altri. E’ bravissimo, un talento naturale, ma ce ne sono tanti di bravissimi nel movimento. Io rimango sorpreso da come una semplice battuta diventi titolo su tutti i giornali”.

Secondo Fico “in questo momento un candidato premier non esiste. Non c’è neanche una procedura. L’importante non è trovare la persona ma sviluppare le tematiche per ampliare il programma che abbiamo già sviluppato”.