Merkel: “Migranti? Non a casa mia!”

lunedì, 12 ottobre 2015

In un’intervista alla Bild, Angela Merkel di fronte alla domanda se sarebbe o meno disponibile ad accogliere i migranti direttamente nella propria abitazione ha ammesso: «Pur con tutto il rispetto per quelli che lo fanno, è un qualcosa che al momento non riesco a immaginare».

Non tutti in Germania approvano il coddetto “piano Merkel”, anche nel suo partito la Cdu, e nella coalizione di governo, ci sono divergenze sul tema dell’accoglienza

La Cancelliera però aggiunge nell’intervista: «C’è un diritto alla protezione dalla guerra e dalla persecuzione sancito dalla nostra Costituzione e dalla Convenzione di Ginevra che è valida in tutti i Paesi europei. A quanti non possono reclamare il diritto di asilo dobbiamo dire che devono abbandonare il Paese, pur difficile che questo sia per loro».

Merkel ha anche sottolineato la necessità di affrontare la radice della crisi nelle zone di conflitto, soprattutto nel caso della Siria. “Il problema dei profughi ci mostra ogni giorno che la Siria è alle porte dell’Europa”, ha aggiunto Merkel ammettendo che fino ad ora gli sforzi diplomatici dei paesi occidentali, del mondo arabo e della Russia non hanno avuto la meglio in Siria.

“Questa è l’amara verità che ci costringe a non arrendersi, ma al contrario: dobbiamo raddoppiare gli sforzi per trovare una soluzione politica”, ha concluso.