Oggi il voto in Catalogna. Favoriti gli indipendentisti

domenica, 27 settembre 2015

Da questa mattina sono aperte le urne per l’elezioni anticipate, volute dall’attuale presidente Artur Mas dopo che non è riuscito a indire un referendum sull’indipendenza della regione, come aveva promesso prima della sua vittoria nel 2012. I seggi resteranno aperti sono alle 20.

Sono Cinque milioni e mezzo di catalani che sono stati chiamati al voto per eleggere il nuovo Parlamento della regione autonoma spagnola.  Elezioni politiche nel segno dell’indipendenza da Madrid secondo i sondaggi, che danno per vittoriosi gli autonomisti.

I partiti indipendentisti puntano alla maggioranza del Parlamento per poi cercare la scissione da Madrid, nonostante la Corte costituzionale iberica si sia già espressa contro una Catalogna indipendente.

Gli ultimi sondaggi indicano che Junts pel Sí e Cup, i due partiti indipendentisti, dovrebbero sommare i propri voti per raggiungere la maggioranza assoluta. Il governo spagnolo continua a mantenere la stessa posizione: eventuali dichiarazioni di indipendenza sono incostituzionali. In generale ogni mossa dei secessionisti sarà contrastata, da parte del governo Rajoy, nei tribunali spagnoli.

Rajoy e il suo Partido Popular, molto indietro nei sondaggi, tentano l’ultima carta elettorale con un video in cui lo stesso presidente del governo e diversi ministri si rivolgono in catalano agli elettori, chiedendo una Spagna unita.

C’è attesa anche per il risultato di Ciudadanos, la forza di centrodestra “anti-casta” guidata da Albert Rivera: i sondaggi danno “la Podemos di destra” al secondo posto.