PRIMARIE PD, SANDRO GOZI A REPUBBLICA: LA MAGGIORANZA DEI PRODIANI E’ CON RENZI

Romano Prodi

di Paola Ambrosino

martedì, 12 novembre 2013

La decisione di Romano Prodi di non votare al Congresso Pd dell’8 dicembre è un messaggio rivolto a “101 destinatari”: ne è convinto il deputato Pd, Sandro Gozi, che, in un’intervista a La Repubblica, ha puntato il dito contro quei parlamentari che hanno tradito il padre del partito, boicottando la sua elezione al Colle.

Gozi, forte dei valori dell’Ulivo, si è detto convinto che ora l’unico a poter dare forza al vero progetto del Pd è Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze “vuole migliorare, ma confermare, la scelta democratica dell’alternanza bipolare – ha chiarito – queste primarie hanno senso soltanto se il Pd si fa interprete del bipolarismo e di un sistema fortemente maggioritario”.

Per quanto riguarda gli altri candidati alla segreteria, e in particolare Cuperlo, Gozi ha sottolineato che da parte loro c’è meno voglia del maggioritario, unico sistema che garantisce invece apertura ai cittadini. “Lì il partito è il fine, qui il mezzo per governare e cambiare il Paese”, ha aggiunto, criticando l’idea di un partito identitario e quindi il tuffo nel passato.

Per Gozi, serve un rapporto nuovo fra politica e persone, un rapporto che il sindaco di Firenze può finalmente garantire.