Renzi: spero che flessibilità in uscita già nella legge di stabilità

domenica, 27 settembre 2015

Matteo Renzi, prende “carta e penna” e risponde ad un lettore dell’Unità e torna a parlare di di flessibilità in uscita e di pensioni

Alle legittime domande poste dal lettore circa la flessibilità  in uscita se sia realizzabile già con questa legge di stabilità, Renzi risponde: “Ti assicuro che una persona come il ministro Padoan è tra le più sensibili sull’argomento. Dobbiamo però gestire le scelte fatte dai ministri e dai governi precedenti. Ti assicuro che lo faremo con buonsenso e ragionevolezza”.

Renzi, che definisce “sentito” il tema pensioni chiarisce: “Da una lato c’è un sistema pensionistico che non può costare come in passato, dall’altro ci sono persone che  vorrebbero godere della pensione non troppo tardi, magari prendendo anche qualcosa in meno. Va trovato l’equilibrio, ci stiamo provando”.
Di pensioni, poco dopo, parla anche il ministro Pier Carlo Padoan. Secondo il titolare dell’Economia la conferma in manovra degli incentivi alla decontribuzione “è un’opzione”.

Ma:”Personalmente credo, ma posso essere smentito, che non siano più necessari perché siamo fuori dall’emergenza. Le risorse potrebbero essere destinate ad altri scopi, per esempio sgravi fiscali permanenti di diversa natura ma sempre con l’obiettivo di favorire crescita e investimenti”