Toscana: arrestati vertici Anas per corruzione

mercoledì, 30 settembre 2015

Quattro le persone arrestate nell’ambito dell’inchiesta della procura di Firenze sui vertici dell’Anas Toscana. Il reato ipotizzato dalla magistratura è corruzione in merito agli appalti per opere stradali. L’indagine è condotta da polizia stradale della Toscana e Corpo forestale, sezione di pg della procura di Firenze.

Nell’ambito dell’inchiesta, sono state svolte circa settanta perquisizioni.

Le persone arrestate (ai domiciliari) sono: il capo Compartimento Anas Toscana, Antonio Mazzeo, il direttore amministrativo Roberto Troccoli, il funzionario Nicola Cenci e l’imprenditore Francesco Mele.

Indagate anche altre 24 persone a cui si contesta la corruzione. Si tratta di pubblici ufficiali dell’Anas, di imprenditori e professionisti.

Il procuratore Creazzo indica un “collaudato sistema di corruzione”, di un “sistema che ha comportato danni per la collettività per molte decine di migliaia di euro.

Venivano date tangenti corrispondenti al 5% dell’importo dei lavori, cioè decine di appalti nella rete stradale della Toscana”.