Ungheria: la Polizia usa lacrimogeni e cannoni ad acqua sui migranti

mercoledì, 16 settembre 2015

Alcuni gruppi di migranti esasperati hanno cercato di abbattere il filo spinato ed hanno lanciato pietre contro i poliziotti che per ben due volte in meno di un’ora hanno risposto lanciando lacrimogeni avvalendosi di spray urticanti, provocando un fuggi fuggi generale, pare che siano stati utilizzati anche i cannoni ad acqua, gli incidenti sono scoppiati a Horgos, davanti al muro al confine con la Serbia.

I migranti come si temeva, hanno lanciato coperte sul filo spinato cercando poi di abbatterlo tirandole, gli agenti hanno bloccato la folla che in risposta ha lanciato bottigliette d’acqua. Non ci sarebbero feriti, anche se numerose persone lacrimavano a causa dei gas irritanti.

I fatti si sono verificati al cosiddetto valico di Horgos 2, una sorta di “sfiatatoio” del valico autostradale, quello principale, qui i migranti hanno piantato decine di tende.

La tensione rimane particolarmente alta, con centinaia di profughi, soprattutto uomini, che urlano slogan anti europei e chiedono di poter passare la frontiera, lanciano scarpe e anche bottiglie d’acqua, pur essendo indispensabili visto il grande caldo.

Il ministro dell’interno serbo Nebojsa Stefanovic si è recato sul posto ieri sera, affermando di volersi mettere in contatto oggi con le autorità ungheresi per tentare di sbloccare la situazione. Intanto alcuni autobus di migranti provenienti dal sud della Serbia sono giunti al posto di confine serbo-croato di Sid, a conferma che i profughi in Marcia sulla rotta balcanica – per raggiungere Germania e nord Europa – si starebbero orientando a seguire itinerari alternativi per aggirare il muro “difensivo” dell’Ungheria.​

Salgono a 316 i migranti arrestati finora dalla polizia ungherese al confine con la Serbia dopo l’entrata in vigore ieri delle nuove norme più restrittive in fatto di immigrazione. I profughi che hanno presentato domanda di asilo sono stati finora solo 70 e 40 domande sono state già respinte.

Quasi nessuno dei migranti intende farsi registrate in Ungheria, tantomeno chiedere asilo, avendo tutti l’obiettivo di proseguire verso la Germania e gli altri Paesi del Nord Europa.

.