Volkswagen: Bankitalia teme ricaduta sull’economia

martedì, 29 settembre 2015

La Banca d’Italia, così come ha fatto nei giorni scorsi  il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, non nasconde le preoccupazioni per la vicenda Volkswagen.

A esplicitare le preoccupazioni alle commissioni Bilancio di Camera e senato è stato il vicedirettore di Bankitalia Luigi Federico Signorini.

Secondo il dirigente, infatti, “all’incertezza presente sui mercati globali si è aggiunta negli ultimi giorni quella connessa con le possibili ripercussioni, difficili da quantificare, del grave scandalo Volkswagen sul settore dell’auto e sulle aspettative degli investitori e dei consumatori”.

Bankitalia non esclude quindi che lo scandalo emissioni possa in qualche modo avere conseguenze sulla ripresa visto che “nell’area dell’euro la ripresa si è intensificata dalla fine dello scorso anno”, ma “al rafforzamento della congiuntura europea si contrappone un significativo indebolimento dell’attività economica in Cina e nelle altre economie emergenti. Finora l’effetto di questo rallentamento sulle economie avanzate non è stato rilevante; esso costituisce tuttavia un elemento di incertezza per il futuro: potrebbe portare un ridimensionamento delle prospettive globali di domanda e di inflazione e incidere negativamente sulla fiducia degli investitori”.