Home / Ultime News / Come curare il pelo del pastore tedesco
pastore tedesco

Come curare il pelo del pastore tedesco

Quando si decide di accogliere in casa un cane, ci sono tanti aspetti da considerare. Tra questi, rientra senza dubbio il fatto di prendersi cura del suo pelo. Questo vale per tutte le razze, compreso il pastore tedesco, cane fiero e ricco di fascino.

Se vuoi scoprire dettagli in merito, non devi fare altro che seguirci nelle prossime righe, dove potrai trovare qualche consiglio per gestire al meglio il pelo del tuo amico 4 zampe. 

Pastore tedesco: differenza tra esemplari a pelo corto e a pelo lungo

Non importa che si parli di cuccioli o adulti: i pastori tedeschi si distinguono tra esemplari a pelo corto e cani a pelo lungo. I primi sono oggettivamente più diffusi dal punto di vista numerico.

Cosa bisogna sapere per curare al meglio il loro manto? La prima cosa da dire riguarda le caratteristiche dello strato superiore, che si contraddistingue per una palese durezza al tatto.

Quando lo si tocca o lo si guarda, si può notare una particolare differenza tra zone come il collo o la parte posteriore delle zampe e tutto il resto del corpo. Nelle prime, infatti, tende a concentrarsi più pelo.

Cosa dire, invece, dei cuccioli di pastore tedesco a pelo lungo e degli adulti? Che si tratta di cani caratterizzati da un pelo più lungo e più duro rispetto a quello che si può apprezzare accarezzando il manto dei loro fratelli a pelo corto.

Inoltre, molto spesso, questi fantastici cani presentano dei simpatici ciuffetti a livello delle orecchie e della regione lombare del corpo. Per rendersi conto della differenza rispetto ai pastori tedeschi a pelo corto, si può guardare anche la coda, che appare particolarmente folta.

Chiarite queste differenze – parlarne era doveroso – vediamo assieme quali sono gli step necessari alla cura del pelo del pastore tedesco.

Pastore tedesco: come gestire la cura quotidiana del pelo

Quando ci si trova a gestire il pelo di un pastore tedesco, la prima cosa da ricordare è che, in linea di massima, questo cane non necessità di lavaggi frequenti (l’ideale sarebbe fare il bagno al cane 3/4 volte all’anno).

Diverso è il caso dell’utilizzo del pettine. Questa operazione, se possibile, dovrebbe essere effettuata tutti i giorni cercando di seguire la direzione dei peli (in tal modo, si rimuovono più agevolmente le cellule morte). Questo vale soprattutto se si ha un pastore tedesco a pelo lungo, che tende a fare una muta particolarmente consistente.

Per questo aspetto della cura del pelo del cane è importantissimo utilizzare accessori ad hoc. Tra i migliori rientra senza dubbio il pettine in metallo. Prima di acquistarlo, è opportuno controllare che non abbia i denti troppo larghi (ci si può ovviamente far consigliare dal veterinario e dal negoziante di accessori di animali di fiducia).

Un altro passaggio di grande importanza per quanto riguarda la cura del pelo del pastore tedesco riguarda il controllo dell’eventuale presenza di parassiti. Tante persone pensano che sia uno step da considerare solo in estate. Bene: non è affatto vero! Il controllo in questione deve essere fatto tutto l’anno e accompagnato, una volta al mese, dall’utilizzo dell’antiparassitario. Inoltre, fin dai primi anni di vita il cane deve essere portato periodicamente da un toelettatore esperto.

Proseguendo con i consigli per prendersi cura al meglio del pelo del proprio pastore tedesco, è cruciale ricordare che, molte volte, la bellezza del manto di questo stupendo cane passa anche dall’alimentazione.

Premettendo il fatto che i consigli in merito devono arrivare dal nutrizionista di fiducia, ricordiamo che tra i nutrienti che influiscono in maniera più forte sull’aspetto del pelo del cane ci sono le vitamine.

About Isan Hydi

Scrivo news in tempo reale dall'Italia e dal mondo. Amo viaggiare e fare nuove esperienze. Qui troverai le mie news per tazebao news.

Check Also

pompe autoadescanti

Pompe autoadescanti: caratteristiche e funzionamento

In vari settori, come per esempio quello dell’agricoltura o il settore industriale, potrebbe essere molto …

Utilizzando il sito, scrollando o navigando accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi