Home / Salute e benessere / Mestruazioni irregolari: quando preoccuparsi
mestruazioni

Mestruazioni irregolari: quando preoccuparsi

Per una donna, è importantissimo conoscere il proprio ciclo mestruale. Farlo significa anche essere consapevoli di quando è il caso di preoccuparsi nell’eventualità di mestruazioni irregolari. Nelle prossime righe, vediamo assieme cosa sapere in merito.

Mestruazioni sballate: ecco cosa sapere

Il periodo del flusso mestruale può rivelarsi stressante per molte donne. C’è chi affronta le problematiche in merito ricorrendo a soluzioni farmacologiche e chi, invece, per evitare il disagio che può derivare dal fatto di doversi cambiare spesso l’assorbente durante la giornata decide di iniziare a utilizzare la coppetta mestruale (se vuoi iniziare a farlo e stai cercando informazioni, sul sito lacoppettamestruale.it puoi trovarne tantissime e di qualità eccellente).

A prescindere dalla scelta fatta, avere a che fare con le mestruazioni irregolari, ossia che si presentano tenendo conto di intervalli di tempo superiori ai 28 giorni, non è mai bello. La buona notizia è che non sempre è il caso di preoccuparsi. Per fare un esempio utile al proposito, è opportuno ricordare che, nelle donne di età inferiore ai 20 anni, la mestruazione irregolare può essere il segno di un assetto ormonale ancora in corso.

Non è il caso di preoccuparsi anche nei casi in cui le mestruazioni non sono regolari in concomitanza con un cambio di stagione. Il medesimo discorso si può fare quando si parla di periodi di particolare stress.

Da non dimenticare è anche la situazione delle donne over 45 che, per ovvi motivi legati alla menopausa, possono avere dei cicli estremamente irregolari. Oltre che ai tempi, quando si parla di mestruazioni è il caso di fare attenzione anche all’intensità del flusso. Se è eccessiva con mestruazioni che si presentano regolarmente si parla di dismenorrea. Nei casi in cui, invece, il ciclo si presenta a cadenza irregolare e molto abbondante si parla di menorragia.

Come muoversi in caso di ciclo irregolare? La risposta universale non si può dare. Il motivo è molto semplice: spesso, dietro alle mestruazioni che non si presentano con regolarità o che risultano troppo intense o scarse ci sono problematiche come i polipi.

Per questo motivo, è opportuno che, non appena una donna inizia la propria vita sessuale, faccia una volta all’anno una visita con un ginecologo specializzato.

Ciclo irregolare: esistono rimedi?

Sono tantissime le donne che, lottando con il ciclo irregolare, si chiedono se esistono meno dei rimedi per risolvere il problema. La prima cosa da dire in merito è che, se alla base non ci sono patologie, la mestruazione irregolare non necessita di alcun approccio terapeutico.

Per aiutarsi, al netto delle fluttuazioni ormonali tipiche di certe età della vita, si può fare riferimento ai cambiamenti relativi allo stile di vita. Questo implica, in concreto, il fatto di concentrarsi di più sull’attività fisica, di migliorare la qualità del sonno e di adottare una dieta ricca di vitamine, fibre e acqua, cercando di mettere in secondo piano i cibi con troppi zuccheri.

In alcuni frangenti – sempre sotto consiglio del proprio medico di fiducia – si può ricorrere a degli integratori. Nell’elenco di quelli prescritti più spesso in caso di mestruazioni irregolari rientrano i supplementi a base di ferro e inositolo.

Come già accennato, diversa è la situazione in cui, in sede ecografica, viene riscontrata la presenza, a livello uterino, di miomi o di polipi. In tali situazioni, la cosa giusta da fare è chiedere consiglio al proprio ginecologo. Non esiste una ricetta universale da adottare: tutto dipende dalla dimensione, dalla posizione e dal fatto che la singola donna cerchi o meno una gravidanza.

In ogni caso, come sopra ricordato, per tenere tutto sotto controllo nel migliore dei modi non bisogna mai trascurare la prevenzione ginecologica.

About Isan Hydi

Scrivo news in tempo reale dall'Italia e dal mondo. Amo viaggiare e fare nuove esperienze. Qui troverai le mie news per tazebao news.

Check Also

Coronavirus

Coronavirus e Fase 2: quali mascherine utilizzare

L’Italia prova a rialzare la testa, o perlomeno a muovere i primi passi nella direzione …

Utilizzando il sito, scrollando o navigando accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi