Home / Società / Tutto ciò che c’è da sapere sulla fase 2
coronavirus

Tutto ciò che c’è da sapere sulla fase 2

L’Italia è entrata nella famosa fase 2: se ne è a lungo parlato, e questo nuovo scenario si è concretizzato già da una settimana. A partire da lunedì scorso, 4 maggio, l’intera nazione ha mosso questo importante passo. Non una riapertura totale, questo è sicuro, ma al tempo stesso uno step davvero determinante nell’ottica di una ripresa progressiva.

Questo nuovo periodo, che al momento non ha un vero e proprio termine prestabilito poiché tutto dipenderà dai futuri sviluppi della pandemia di Coronavirus, porta però con sé una serie di interrogativi ai quali non è così semplice dare risposta. Quali sono i movimenti consentiti per i cittadini? Qual è la migliore tipologia di mascherine da indossare? Quali i nuovi obblighi e regolamenti da seguire? Proviamo a dare una risposta, prendendo in considerazione tutto ciò che c’è da sapere.

Ecco la fase 2: tutti i regolamenti da seguire

Entriamo subito nel merito, andando a vedere quali sono le principali novità portate da questa fase 2 e quali i campi investiti, tra la vita privata e quella professionale. Si tratta fondamentalmente di un generale processo di allentamento delle misure restrittive che erano precedentemente in vigore. Per quel che riguarda l’ambito personale e gli spostamenti, si è aggiunta un’importante novità: a partire da lunedì scorso c’è infatti la possibilità di muoversi anche per andare a trovare i propri parenti e congiunti.

Oltre alle motivazioni che già erano valide in precedenza (necessità, lavoro ed urgenza medica) dunque sono autorizzati anche questi altri spostamenti. È possibile anche muoversi con una maggiore libertà: cade il vincolo dei 200 metri di raggio dalla propria abitazione per le passeggiate, l’importante è che questa attività venga praticata al massimo in due e mantenendo le distanze di sicurezza.

Queste e quelle sportive (singole) sono quindi le uniche casistiche in cui i movimenti all’aperto sono consentiti: in ogni caso si capisce bene come resti assolutamente in vigore il divieto di formare assembramenti. Sarà inoltre possibile, come conseguenza, muoversi adesso da un comune all’altro: chiaramente seguendo sempre le motivazioni sopra citate.

Le novità per il settore lavorativo

Quanto elencato fino a questo momento era direttamente rivolto alla vita privata delle persone: ma che cosa cambia con l’ingresso nella fase 2 per il mondo lavorativo italiano? A partire dal 4 maggio tutta una serie di attività hanno finalmente potuto riaprire, ma anch’esse sono logicamente condizionate dai regolamenti che garantiscono la sicurezza dei cittadini e dei lavoratori stessi. È infatti necessaria la sanificazione di tutti i locali, mentre il personale (di qualsiasi ente od agenzia si tratti) deve rigorosamente indossare le mascherine e vedersi misurate temperatura e saturazione al momento dell’ingresso nel luogo di lavoro.

Questa messa in sicurezza riguarderà non solo le varie aziende, ma anche bar e ristoranti: la categoria ha infatti potuto riaprire lunedì scorso ma rispettando rigorosamente i nuovi regolamenti. Per prima cosa viene privilegiata la modalità d’asporto, e in secondo luogo i tavoli interni ed esterni al locale devono essere collocati seguendo le norme di distanziamento. Il personale deve essere dotato di guanti e mascherine.

Simile il discorso per quel che riguarda le mense e gli spazi comuni, che vengono adesso messi in sicurezza seguendo queste tre regole ferree: la ventilazione continua degli ambienti, la turnazione della fruizione e la riduzione degli stessi tempi di fruizione. All’interno dei vari stabili, gli spostamenti devono inoltre essere ridotti al minimo.

In ogni caso, da parte di tutti i datori di lavoro, quel che lo Stato si aspetta è un favoreggiamento del lavoro da casa: tutte le aziende che hanno la possibilità di lavorare in smartworking sono infatti invitate a farlo: una soluzione che non solo conviene a livello economico – viste tutte le modifiche da apportare in alternativa – ma che garantisce anche una maggiore sicurezza per tutti gli impiegati.

About Isan Hydi

Scrivo news in tempo reale dall'Italia e dal mondo. Amo viaggiare e fare nuove esperienze. Qui troverai le mie news per tazebao news.

Check Also

avvocato

Cosa non deve mancare su una scrivania di un avvocato

Da poco l’attività di avvocato ha preso il via e avete intenzione di partire nel …

Utilizzando il sito, scrollando o navigando accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi